kokunun alışverişe etkisi

Il profumo istituzionale e i primi professionisti

Nel 1921, Coco Chanel si approntava a rivelare il suo primo profumo commerciale. Aveva già ingaggiato il più celebre profumiere in Europa per creare il suo famoso profumo No. 5, aveva personalmente progettato la moderna bottiglietta e aveva inviato i campioni a tutte le donne dell’alta società di Parigi. Ma Chanel aveva bisogno di una spinta in più che avrebbe contribuito a vendere il profumo presso la sua boutique al n. 31 di rue Cambon. A quel punto, il progettista ordino’ a ciascuna delle sue commesse di spruzzare il profumo in tutto il negozio, dagli spogliatoi sino, e, soprattutto, all'ingresso.

Cartier diede inizio alla sua prima campagna di marketing per un profumo nel 1931, in un'epoca in cui le opzioni a disposizione erano esigue. I profumi a spray (chiamati come bottiglie atomizzatori di profumo) esistevano sin dalla fine del 1800, quindi posso facilmente immaginare il personale girovagare per il negozio spruzzando il profumo a mano.

Anche se non è un fenomeno recente – il marketing dei profumi è divenuta un’autentica tecnica di marketing e, secondo i suoi sostenitori, una tecnica molto efficace.

 



kokunun alışverişe etkisi

Quali colori annusate?

Di che cosa profuma il colore rosso?

Secondo le infallibilidomande-risposte di Yahoo! Answers, è un conglomerate di fragile, aragoste, evidenziatori di colore rosso (?) e tizzoni.

Un so-tutto-io scrive che alcune persone sono dotate di sinestesia, una condizione rara in cui le persone associano un senso con un altro senso con nessuna pertinenza (vedere i suoni, numeri che appaiono come colori ecc.).

Le persone concordano sul fatto che il profumo della frutta odora come rosa e rosso, mentre la muffa odora come l’arancio e il marrone.

Comunque non tutto è perduto per noi plebei che raramente odora profumi o vede immagini.

I ricercatori hanno scoperto che i non-sinestetici costantemente associano determinati colori con certi odori. E, quando il colore è accoppiato con un odore inaspettato, le persone valutano la combinazione come meno piacevole.

Un gruppo di ricercatori internazionali, guidati da Carmelo A. Levitan dell’Occidental College, ha valutato se la nostra associazione di colori con odori è universale (installata nel nostro cervello) o si basa su fattori culturali quali la lingua e frequente associazione tra gli oggetti e odori.

Precedenti studi sono inconcludenti: Alcuni ricercatori hanno dimostrato che le connessioni tra gli odori, le note musicali e le forme geometriche sono cablate nel nostro cervello. Ma il collegamento colore-odore non è sempre coerente; i canadesi associano sempre l’odore di mandorle con il colore rosso, ma in uno studio separato, gli australiani con il colore blu.

Lo studio internazionale, pubblicato questa settimana in PLoS One, ha utilizzato procedure standardizzate per misurare la connessione odori-colore fra sei diversi gruppi culturali: olandese, cinesi residenti in Olanda, tedeschi, malesi, cinesi malesi e americani.

Utilizzando una tavolozza di 36 colori e armati di 14 "penne odori", i ricercatori hanno chiesto a circa 20 persone in ciascun gruppo culturale di valutare quali colori sono stati più e meno congruenti con ogni odore. Nessuno ha detto ai partecipanti il nome di ogni odore, che hanno semplicemente annusato i colori selezionati. I risultati confermano i risultati precedenti e cioè che le connessioni colore-odore sono abbastanza stabili all'interno di una cultura. In particolare, essi mostrano che queste connessioni differiscono tra le culture.

SNIFF TEST : I partecipanti di sei gruppi culturali valutato i colori sulla base dell’odore di ogni profumo. I colori piu’ selezionati sono stati quella vicino alla linea di base.

Le persone sono in gran parte d'accordo sul fatto che il profumo fruttato puzzava di rosa e di rosso, mentre il profumo di muffa odora di arancione e di marrone. Alcuni risultati sembrano intuitivi, mentre la maggior parte delle culture sono d'accordo che il sapone odora di colori pastello chiari, , tedeschi e i cinesi residenti in Olanda pensano ad di un colore grigio scuro. L'odore di plastica per lo più ha suscitato una gamma di colori neutri scuri, ma i tedeschi e gli olandesi hanno pensato ad un rosa acceso e all’arancione.

I ricercatori ritenevano che le palette sarebbero state simili per le culture che condividono la geografia o la lingua, ma questo non fu il caso. Americani e tedeschi hanno avuto risultati simili, come hanno fatto i tedeschi e malesi. Nel complesso, le scelte di colore dei partecipanti statunitensi sono stati più simili a tutte le altre culture, mentre i malesi tendevano a rappresentare valori anomali.

I risultati aprono una discussione del tutto nuova su quali fattori particolari contribuiscono alle differenze di colore-odore. Essi potrebbero includere la lingua, l’età, l’esperienza di viaggio e la frequenza nel cucinare.

Tra l'altro, gli studi dimostrano che la capacità delle persone di etichettare gli odori è "straordinariamente pessima". Per prendere in giro gli effetti del linguaggio, Levitan e i suoi colleghi suggeriscono studi che chiedano ai partecipanti di identificare l'odore prima di scegliere il colore.

 



kokunun alışverişe etkisi

RAPPORTO TRA IL PROFUMO DI CIOCCOLATO E LA LETTURA

Ricercatori belgi segnalano che il profumo seducente del cioccolato invita i lettori a restare più a lungo nelle librerie, e che le vendite di alcuni generi letterari aumentano.

Pubblicato in data 18 Giugno 2013

E’ una grande notizia per i librai indipendenti che lottano per mantenere aperte le loro librerie in un mercato dominato da Amazon. Ricercatori in Belgio hanno scoperto un modo semplice e poco costoso per mantenere più a lungo i clienti nel negozio e, molto probabilmente, aumentare le vendite.

Riferiscono che i clienti sono più propensi ad impegnarsi in una piacevole lettura e infine, acquistano libri di alcuni generi popolari tra cui i romanzi, se il negozio profuma di cioccolato.

Così il “Journal of Evinronmental Psychology”, riferisce di un gruppo di ricerca guidato da Lieve Doucè dell’Università di Hasselt che ha condotto un esperimento per 10 giorni in una libreria in Belgio fornita di tutti i generi letterari.

“I rivenditori possono utilizzare piacevoli profumi ambientali per migliorare le condizioni del negozio, portando i consumatori a esplorare il negozio stesso."

Per circa la metà delle sue ore di apertura (mattino o pomeriggio, a seconda del giorno stabilito) il profumo di cioccolato è stato diffuso nel negozio da due posizioni. Il profumo era abbastanza leggero, tanto da non essere immediatamente percepito, ma abbastanza forte da poter essere istantaneamente identificato una volta riconosciuto.

I ricercatori hanno seguito le azioni di un cliente su cinque entrato nella libreria, per un totale di 201 persone esaminate. Essi riferiscono che quando è stato attivato il profumo, gli acquirenti hanno mostrato una maggiore tendenza a passare più tempo nel negozio, a controllare la varietà dei titoli e/o parlare con un dipendente.

In particolare essi scrivono che "i clienti erano disposti ad esaminare 2,22 volte in più, più libri e con maggiore attenzione, quando il profumo di cioccolato era diffuso nel negozio, rispetto alla normale condizione”.

Inoltre, quando l'aroma era diffuso, gli acquirenti erano meno propensi ad affrettarsi, cercare un libro specifico e portarlo direttamente alla cassa. Qualcosa nell'ambiente del negozio ha fatto venire voglia agli acquirenti di rimanere più a lungo rispetto al tempo che avevano programmato.

Tom Jacobs

http://www.psmag.com/books-and-culture/chocolate-the-scent-that-could-save-struggling-bookstores-62847

yaratıcılık ve koku uygulama

COME POSSIAMO ESSERE PIU’ CREATIVI CON I PROFUMI

Una nuova ricerca suggerisce che odori notturni selezionati possono ispirare la creatività.

Yayınlanma tarihi: 3 Dicembre 2012

“Dormirci sopra" è uno tra i consigli tradizionali che si danno alle persone perplesse che hanno bisogno di una soluzione innovativa. Negli ultimi anni, la saggezza di questo approccio è stato convalidato dalla scienza, con uno studio che collega la fase REM del sogno/sonno profondo con successivi lampi di intuizione.

Non vi è alcuna garanzia che ti svegli da un sonno, con un finale per il tuo romanzo. Ma una ricerca di recente pubblicazione suggerisce che è probabile che questo accada, se voi ricordate la pressante questione a cui pensavate prima di addormentarvi.

Ciò richiede l'impiego di un senso che rimane vigile e funzionante anche mentre dormiamo: l’olfatto.

Un gruppo di ricerca guidato da Simone Ritter dell’Istituto Scientifico Behavioral dell’Università Radboud in Olanda in uno studio, primo nel suo genere, viene riportato che l’effetto benefico del sonno sulla creatività può essere migliorato da un profumo evocativo. Lo studio fu pubblicato nel numero di Dicembre del sempre stimolante Journal of Sleep Research.

Ritter e i suoi colleghi, tra cui Maarten Bos della Harvard Business School, descrivono uno studio con 49 partecipanti di età compresa tra i 18 e 29 anni. Tutti arrivano a un laboratorio di sera e guardano un video di 10 minuti circa sul volontariato.

Poi tutti vengono mandati a dormire mentre riflettevano sul problema: come può la gente essere motivata a fare volontariato, impiegando il suo tempo libero? Come prima cosa al risveglio, sono stati invitati a fornire delle risposte per una soluzione innovativa.

I Ricercatori hanno scritto che per due terzi dei partecipanti, "un diffusore di profumo nascosto diffondeva un profumo di arancia-vaniglia mentre guardavano il film e venivano informati sulla prova di creatività”. Prima di andare a letto, è stata data loro un involucro contenente un secondo diffusore di profumo, che gli era stato ordinato di aprire prima di addormentarsi.

Tom Jacobs

http://www.psmag.com/business-economics/creatively-blocked-try-this-common-scents-solution-50017

REFERENCES
Alcuni dei brand che sviluppano i nostri progetti di profumazione
  • Il “Profumo Aziendale” diventa la firma della vostra azienda: inconfondibile, attraente, comunicativo
     
  • L’olfatto influenza al 60% la decisione di acquisto
     
  • Carpex sviluppa per voi fragranze personalizzate
     

Carpex Fragranze Aziendali E Soluzioni Per L’igiene
T: 0216 593 14 20 | F: 0216 593 14 23 | www.carpexkurumsal.com | info@carpexkurumsal.com